Traduttore

Cerca nel blog

mercoledì 29 aprile 2009

Bis di vellutata















Eccoci alla mia seconda lezione del corso di cucina che sto frequentando...
In questa serata abbiamo imparato tutto ciò che riguarda la realizzazione di consommè, fondi, minestroni e vellutate...

Vi propongo un bis di vellutata, molto semplice da realizzare ma credo molto gradita in un cena semplice ma sicuramente d'effetto...

Tutte le dosi sono per circa 2-3 persone....

Per il brodo:
1.5 litri di acqua
un cucchiaino di olio d'oliva
sale grosso q.b.
1 cipolla
2 chiodi di garofano
1 carota
1 costa di sedano
1 petto di pollo

Per la vellutata bianca:
brodo
2 patate grosse
1/2 porro
50g di panna da cucina
15g di burro
sale grosso q.b.

Per la vellutata di carote:
brodo
2 patate medie
1/2 porro
1 carota
75g di panna da cucina
15g di burro
50g farina bianca (meglio se di riso)
sale grosso q.b.


Prima di tutto bisogna preparare il brodo...In una casseruola mettere l'acqua, il petto di pollo, la costa di sedano tagliata a metà,la carota e la cipolla con incastrati i due chiodi di garofano, un pò di sale grosso e l'olio. Far bollire il tutto per una mezz'ora, poi spegnere e far riposare. Togliere con la schiumarola l'eventuale schiuma che si sarà formata sulla superficie. Prima di utilizzare il brodo ricordatevi di filtrarlo...

Per la vellutata bianca mettere il porro tagliato molto fine, le patate tagliate a quadretti piccoli in modo che possano cuocere molto velocemente e iniziare ad aggiungere un poò di brodo prepararto in precedenza.
Tenete conto che cuoce molto velocemente e che quindi non vi servirà utilizzare moltissimo brodo. Il brodo preparato vi deve bastare per tutte e due le vellutate.
Quando è quasi a cottura ultimata aggiungere il burro e la panna. Assaggiare per un eventuale correzzione di sale. Con il frullatore ad immersione andrete poi a rendere una crema e la vostra vellutata bianca sarà pronta.

Per la vellutata di carote il procedimento è uguale a quello descritto sopra con la sola differenza che il brodo che andrete ad utilizzare sarà superiore a quello della vellutata bianca e che a fine cottura dovete aggiungere la farina setacciata e poi, sempre con il bastone ad immersione, andrete a frullare il tutto. Ovviamente assaggiate per aggiustare di sale.

Ora so che il mio prof. qui mi troverà una pecca nel senso che tutte le vellutate andrebbero servite con dei cubettini di crostini tostati ma io non avevo del pan carrè in casa...

3 commenti:

Solidea ha detto...

Io personalmente ti ringrazio perchè così il corso lo faccio anch'io!! Poi mi farò interrogare!

Betty ha detto...

bellissimo questo piatto! brava.

germana ha detto...

Grazie Sonia del corso "gratuito" che mi fai.
un bacione

Posta un commento