domenica 22 marzo 2015

Buon compleanno pulce....


Questa torta l'ho fatta per festeggiare i 33 anni di Gianni.
E' stata fatta così d'improvviso, senza pensarci troppo, una piccola sorpresa per pulce, dovevo fare un dolce  da portare a una cena e mi è venuta in mente questa piccola idea, ho unito l'utile al dilettevole. E' venuta buonissima lo stesso perchè se la sono mangiata praticamente tutta!


Ho preparato il solito pan di spagna che faccio sempre a cui prima o poi dovrò dedicare un post.
Ho bagnato il pan di pan di spagna con della bagna al maraschino ( 100ml zucchero liquido, 100ml acqua fredda, 2 cucchiai di maraschino).
Farcito con la mousse al cioccolato con gocce di cioccolato. La ricetta fatta da me la trovate qui. Ho solo raddoppiato le dosi per essere sicura che mi bastasse per farcire la torta visto che era diametro 26 cm e l'ho riempita anche bene! :-)
E l'ho decorata con panna montata leggermente zuccherata con del colorante azzurro.
I ciuffetti bianchi sono panna montata normale con dei piccoli cuoricini rossi di zucchero.

Era buona davvero, per niente nauseante....per essere stata fatta all'ultimo momento è andata bene!

Ancora auguri pulce!

giovedì 12 marzo 2015

La mia torta mimosa con crema chantilly alla vaniglia e lime


Anche se in ritardo per motivi di impegni sociali, la mia torta mimosa la dedico a tutte le donne che fanno parte della mia vita e che mi vogliono bene. La dedico a tutte le donne che oggi non ci sono più per colpa di qualche bestia che ha deciso di strapparle alla vita. La dedico a tutte le donne che mi seguono e che mi seguiranno. E la dedico a tutte le meravigliose donne del mondo che non avranno mai la fortuna di assaggiare questa favolosa torta ma non perchè l'ho fatta io ma perchè sono povere e non ne hanno la possibilità.
Io non ho mai festeggiato la festa delle donne, ai tempi non so dirvi nemmeno io il perchè, non sapevo nemmeno che ricorrenza fosse. Oggi, che sono donna, non la festeggio perchè credo non ci sia nulla da festeggiare, anzi! Cosa festeggiamo, la morte di donne come noi bruciate vive perchè chiuse a chiave nel posto in cui lavoravano senza avere avuto la possibilità di potersi salvare?
E festeggiarle andando a vedere degli stupidi e a volte squallidi spettacoli di strip man?
Io dico "no grazie"!

La torta che vedete nella foto è formato mignon. Ho utilizzato una tortiera da due della bialetti ma avevo anche fatto una torta normale. Questa era da lasciare a casa per i miei genitori!


Dosi per un pan di spagna da 24cm e uno da 2 persone:

5 uova
175g zucchero
150g farina
50g fecola

In una planetaria montare le uova a temperatura ambiente con lo zucchero fino a che il composto diventa chiaro e spumoso.
Poi, poco alla volta e con un movimento dal basso verso l'alto, aggiungere la farina e la fecola fino a che non si sono ben amalgamate al composto delle uova.
Dividere l'impasto nelle due teglie.
Infornare nel forno preriscaldato a 180°.
Per la teglia grande ci vorranno circa 20/25 minuti di cottura, dipende anche dal vostro forno. Per quella piccola 10/15 minuti.
A cottura ultimata far raffreddare completamente.

Per la crema chantilly alla vaniglia e lime:

750ml latte
195g zucchero
6 tuorli
75g farina
1 stecca di vaniglia
1 buccia di lime
150 ml panna montata


In una pentola fare scaldare il latte con la stecca di vaniglia aperta e la buccia del lime.
Nel frattempo sbattere i tuorli d'uovo con lo zucchero, aggiungere la farina, mescolare con un pò di latte caldo ( togliere prima la stecca di vaniglia e la buccia del lime) per ammorbidire il tutto e portare tutto in cottura fino a ottenere una crema densa. Spegnere il fuoco e far raffreddare molto bene. Quando è ben fredda, montare la panna e amalgamarla molto lentamente per non smontarla.

Tagliare a disco il pan di spagna, la parte sotto dove andrete a farcirla con la crema un pochino più alta e bagnarlo con della bagna al maraschino. Farcire con la crema chantilly e con l'altro disco fare tanti quadrotti e distribuirli su tutta la torta.

Come sempre se ho dimenticato qualcosa o se avete delle domande non esitate a chiedere.

sabato 21 febbraio 2015

Tortino di patate al lime su letto di salsa besciamelle alla vaniglia con gamberi al sale grigio di Bretagna, erba cipollina e semi di papavero


Vado fiera di questa ricetta perchè è tutta opera mia.
L'avrò provata circa in sei piatti prima di trovare l'armonia che mi poteva piacere!
Prima di trovare la sintonia di colori, profumi, aromi e vista che mi facesse battere il cuore...
Ed eccola qui la mia opera d'arte...credo che più la farò e più sarà migliore, sicuramente in alcuni ingredienti sarà ancora un pochino da perfezionare ma ci lavorerò anche se per me è già perfetta così, è la mia creatura...
Qui di seguito le dosi,, alcune approssimative, per due piatti:


Per la salsa besciamelle alla vaniglia:

250g latte
1 stecca di vaniglia aperta
noce moscata q.b.
sale q.b.
15g farina
25g burro

In un pentolino far scaldare il latte con la stecca di vaniglia aperta in modo da far fuoriuscire tutti i semi, grattuggiare un pochino di noce moscata ma non troppa e aggiustare di sale.
Quando il latte è caldo togliere le stecche di vaglia e, con l'aiuto di un minipimmer, frullare un pochino il latte in modo da non lasciare troppo visibili i semini.
Poi, preparare il roux facendo sciogliere il burro e incorporare subito la farina. Mescolare. Quando sono ben amalgamati rimettere il latte sul fuoco e, con l'aiuto di frustino, aggiungere il roux al latte e farlo cuocere fino a raggiungere una consistenza non tanto densa. Se si dovesse addensare troppo aggiungete dell'altro latte.

Per il tortino di patate fate bollire tre patate medie già pelate. Quando sono cotte, schiacciatele con l'aiuto di uno schiacciapatate, unite un pezzetto di burro, del latte, sale e della scorza di lime grattuggiata e fare addensare in una padella. Il composto non deve essere troppo duro ma nemmeno come un purè.

Pulite i gamberi togliendo la scorza solo fino appena sopra la coda e pulitene la schiena tagliandola con un piccolo coltellino in modo da poter togliere il filamento nero così che in cottura si possa arricciare lievemente.
Fate cuocere alla piastra da entrambe i lati. Una volta cotti salate con del sale grigio di Bretagna, sale adatto per pesce di mare.

Per impiattare io ho usato un piatto fondo (cappello del prete), ho messo un coppapasta rotondo, la purea di patate al lime, ho tolto il coppapasta. Ho messo la salsa besciamelle in un dosatore con beccuccio e messa intorno al tortino. I gamberi li ho sistemati sopra cercando di crearne una composizione, l'erba cipollina incastrata nella scorza della coda, ho grattuggiato poco lime e cosparso qualche seme di papavero per dare un tocco finale di colore al piatto.


Sono soddisfatta!

E come sempre, per qualsiasi chiarimento non esitate a contattarmi!
Grazie....

martedì 17 febbraio 2015

Bavarese al mascarpone e vaniglia



La ricetta che ho deciso di proporvi oggi è un dolce che preparo ogni week end nel ristorante dove lavoro, all'Osteria della Corte di Borgomanero e questa ricetta è dello Chef Sabina.
Io, dalla ricetta originale, ho solo aggiunto della vaniglia, che per me ormai è un ottima compagna di viaggio, e ho montato molto bene le uova con lo zucchero. Per il resto il procedimento è lo stesso, le dosi sono dimezzate. Come dolce ve lo consiglio perchè è molto molto buono!


martedì 10 febbraio 2015

Quenelle di patate e prezzemolo con salsa besciamelle alla vaniglia


La settimana scorsa, dopo che tra cugina, amica, colleghe e morosa di mio fratello ho avuto la pressione di sentirmi più volte dirmi " perchè non mandi via la candidatura per partecipare a masterchef?" 
Mamma mia, chi? Io? Proprio io? La timida Sonia che tra un pò nemmeno parla con gli amici? No, non ce la posso fare!
Poi però penso! Tanto saranno migliaia quello che faranno la candidatura come me e vuoi che vengono a vedere proprio me? La Sonia che viene da un piccolo paesino di montagna sperduto in Piemonte? Volete sapere com'è finita?

lunedì 9 febbraio 2015

Flan di carote con insalata di peperoni guarniti con glassa di aceto balsamico


Questo flan di carote l'ho visto fare dai ragazzi di una scuola alberghiera una mattina dove per un giorno ho fatto da alunna anch'io. L'ho assaggiato, mi è piaciuto e a casa ho cercato di riprodurre la ricetta ed eccola qui pronta anche per voi.

martedì 3 febbraio 2015

Salmone in crosta di nocciole e mandorle al profumo di aneto


Ricettina facile e veloce?
L'avete trovata! Prendete in pescheria dei tranci di salmone o se è intero lo tagliate a piccoli tranci monoporzione, fate attenzione a che non siano rimaste delle spine e lo rosolate velocemente in una noce di burro.
Fate un trito di nocciole e mandorle (30g di nocciole e 30g di mandorle dovrebbero bastarvi) e impanate i tranci come fossero delle bistecche.
In un pentola antiaderente mettete una piccola noce di burro e qualche rametto di aneto e fatelo rosolare qualche minuto a fiamma bassa. Mettete i tranci di salmone e fate cuocere da entrambe i lati fino a cottura. Salate a piacere e consumare caldo.